Ho assaggiato il vino in lattina e non mi è dispiaciuto.

ProWein 2018 a Düsseldorf. Uno dei momenti liberi durante le tre giornate che ho passato tra lo stand di Wine Intelligence e appuntamenti vari. Facendo base nel padiglione del Nuovo Mondo, quale miglior occasione per poter assaggiare i vini dell’Oregon? La regione che, a mio avviso, è la più interessante fuori Europa per la produzione di Pinot Nero (in particolare nella Willamette Valley) e che oggi vede crescere anche vitigni bianchi quali Pinot Gris, Grüner Veltliner e lo stesso Chardonnay, con profili ben centrati nel trasmettere la provenienza da zona fredda.

Continua a leggere “Ho assaggiato il vino in lattina e non mi è dispiaciuto.”

Annunci

Come sarà il 2018 vinicolo?

A fine 2017 Wine Intelligence ha pubblicato un articolo in cui si proponeva di prevedere i cinque fenomeni che probabilmente caratterizzeranno l’anno che ci attende.

Alla luce di quanto esposto, nei primi mesi dell’anno cercherò verificare direttamente sul campo quale impatto avranno questi trend sul settore vinicolo italiano.

Continua a leggere “Come sarà il 2018 vinicolo?”

London’s calling

Anche quest’anno sarò a Londra per l’International Wine Fair, la maggiore fiera vinicola anglosassone, presso lo stand U40 curato dall’Agenzia  Turismo FVG (assieme a tutti i Consorzi DOC del Friuli Venezia Giulia).

Martedì 12, in particolare, introdurrò il seminario “How wine regions can carve out space in the cluttered minds of 21st century consumers” ove interverranno, come relatori, Richard Halstead di Wine Intelligence  e Sarah Jane Evans MW (che curerà poi, in conclusione, una degustazione di Friulano, ormai definito nome del Tocai). L’appuntamento è  nella South Gallery Room 27 per Martedì 12 Maggio alle 11.30am.

Prossimamente cercherò di postare alcune impressioni sulla fiera, in particolare su questo momento di transizione per il settore vinicolo internazionale.

Le potenzialità di sviluppo per i vini a DOC Friuli Grave

Giovedì 12 alle ore 17 a Pordenone (palazzo Mantica) sarò uno dei relatori durante la presentazione dei risultati di uno studio, compiuto in collaborazione con la società inglese Wine Intelligence, sul valore della DOC Friuli Grave per i consumatori inglesi e tedeschi.

Gli obiettivi dello studio sono: Continua a leggere “Le potenzialità di sviluppo per i vini a DOC Friuli Grave”

Impressioni londinesi

Tea at Fortnum&Mason

Prima di affrontare il tema della London International Wine Fair, voglio condividere qualche impressione che ho portato con me da Londra. Non parlo della città in quanto tale, ma di alcuni messaggi, importanti anche per il mondo vinicolo (ma non solo) che credo di avere colto.

Innanzitutto l’ampia diffusione del vino, sia nei supermercati (anche nei piccoli take away) che nei pub, con tanto di cartelloni pubblicitari all’ingresso che invitano a provare, ad es., la nuova offerta di rosé (alla faccia di chi dice che il rosé non si vende…). E il vino italiano è sempre rappresentato… anche se spesso è tra i più “cheap” e viene identificato in modo anonimo (vedi “a refreshing pinot grigio from Nothern Italy”), mentre per vini di altre zone vengono indicati i brand.

Continua a leggere “Impressioni londinesi”

Che ruolo ha il paese d’origine per i consumatori UK e USA?

Da domani sarò in Inghilterra per la London International Wine Fair 2008.

Sarò uno dei partecipanti alla tavola rotonda su “How much does country of origin matter to British and American wine consumers, and what can exporting countries do about it?”, organizzato da Wine Intelligence, che si terrà giovedì May 22, 11am-12.15pm, South Gallery Rooms 11 & 12, Excel.

Ecco una presentazione del seminario: Continua a leggere “Che ruolo ha il paese d’origine per i consumatori UK e USA?”

London International Wine Fair 2008

Durante la prossima fiera internazionale del vino di Londra (20-22 maggio, presso l’Excel – Exhibition and conference centre in London Docklands) si terranno alcuni interessanti seminari curati da Wine Intelligence.

Io giovedì 22 ore 11 (South Gallery rooms 11-12) sarò uno dei relatori sul tema:

 “How much does country of origin matter to consumers, and what can exporting countries do about it?”

 Altri seminari riguarderanno:

“What motivates different consumer groups to spend more on a bottle of wine”

“What matters most when it comes to ethical and environmental issues for wine? How are consumers and retailers around the world responding to these concerns – and what does the future hold?”

In tutti i casi, vengono presentati i risultati di alcune ricerche di mercato condotte da Wine Intelligence, su cui alcuni esperti e professionisti sono poi chiamati a confrontarsi.

Per ogni informazione, contattatemi o visitate il sito www.londonwinefair.com!