Il mio Master per uno… Spritz! ;-)

9 07 2009

Riporto un articolo di Mauro Pigozzo pubblicato sul Corriere.it (riprendendo un articolo dell’inserto Veneto). Riguarda un’iniziativa, che qualcuno vedrà come provocatoria ma alla quale io auguro grande successo, portata avanti dalle aziende di due studenti (Alberto Serena – Montelvini e Chiara Stival – Il Moletto) della prima edizione del Master in Wine Business che dirigo al MIB.

Durante le lezioni abbiamo sempre cercato di allargare le vedute dei partecipanti, facendoli uscire dal solo mondo del vino, spesso autoreferenziale. Fino a parlare della c.d. “Blue Ocean Strategy” (ossia cercare di immaginarsi un prodotto/mercato nuovo per uscire da quello ormai popolato dagli squali). Ma questa volta mi sa che ci hanno preso veramente in parola!!😉

l’idea

Spunta lo spritz alla spina pronti brevetto e marchio

Viene spillato già miscelato per velocizzare la preparazione. Sarà venduto a fusti. Puristi in rivolta: rito rovinato

TREVISO – In tedesco, il verbo «spritzen» signi­fica «spruzzare». Leggenda vuole che lo spritz sia nato proprio durante la dominazione Asburgica, da questa comunanza di suoni. Originariamente, era un «bianco macchiato». Da qualche anno, i pro­fessionisti del marketing vogliono far passare la re­gola del «sei centilitri di prosecco, quattro di Ape­rol o Campari, seltz o soda, ghiaccio e arancia». E adesso arriva pure la rivoluzione, firmata da Mon­telvini e Moletto: lo spritz sarà venduto in fusto. E sarà così servito alla spina. Per far prima, però, si rischia di cancellare il rito che personalizza l’aperi­tivo in ogni bar. «Non si deve tradire la tradizio­ne » sibila Enrico Breda, web master di Spritz.it, la community padovana degli amanti dell’aperitivo.

Per esser sicuri di non patire il furto dell’idea, Montelvini, cantina del prosecco di Venegazzù, nel Trevigiano, e la Moletto, cantina di Motta di Livenza, hanno deciso di registrare il marchio. «SpritzOne», questo il nome della bevanda, rac­chiusa per la prima volta dentro i fusti. La mano­vra di business e la comunicazione è congiunta. La spiegano Alberto Serena, vicepresidente di Montel­vini, e Mauro Stival, amministratore delegato del­la cantina Moletto. «Abbiamo unito la qualità del prodotto e la rete commerciale. I clienti sono entu­siasti. Il nostro spritz alla spina ha sette gradi. Vie­ne spillato già miscelato. Gli esercenti devono so­lo aggiungere ghiaccio e le guarnizioni, così si ri­sparmia tempo».

. Non bastava lo «Spritzer», la latti­na di acqua e vino bianco. Non era sufficiente la bottiglia che si compra oggi nei centri commercia­li, lo «Spritzettino». Quando un marchio tira, il marketing è in agguato. La lattina di prosecco di Paris Hilton è un caso emblematico. E lo spritz, da alcuni anni a questa parte, ha decisamente supera­to i confini regionali. Basti citare il «Cin Cin Sprit­zeria », locale di tendenza gestito da un vicentino a Barcellona, in Spagna. Chissà cosa ne penserebbe­ro i soldati austriaci – e questa è un’altra delle leg­gende dello spritz – che in Veneto non riuscivano a bere il vino, troppo alcolico. E chiedevano di di­luirlo con l’acqua. Poi, a forza di brindisi, lo «spri­tz », «spriss» o «sprissetto» che dir si voglia è di­ventato un rito. Un appuntamento ineluttabile do­po il lavoro, con due patatine e qualche amico. Oli­va, arancia o limone. Ghiaccio. Noccioline, cicchet­ti. L’apoteosi in questo senso è Piazza delle Erbe, a Padova, dove centinaia di universitari ogni sera, ma in particolare di mercoledì, si ritrovano per brindare.

 

 

  

 

 

 Il fusto da spina già pronto per i bar (archivio)È accaduto anche questo, dunque. Lo spritz sarà servito dai fusti

Ma come ogni tradizione che si rispetti, ci sono anche i puristi. Uno di loro è Enrico Breda, 32 an­ni, ingegnere e fondatore, nove anni fa, della com­munity di Spritz.it. On line, si sono registrati quasi cinquantamila utenti. Nel sito della Aperol, che sponsorizza la community padovana, c’è il suo link come sito ufficiale della bevanda. Breda non accetta la rivoluzione del fusto. «La tradizione pre­vede che lo spritz vada fatto al momento», dice. «Ogni baretto ha la sua filosofia. C’è chi usa il cam­pari, chi il gin, chi prosecco frizzante, chi vino bianco fermo. Già non mi piacciono quei locali che preparano i bicchieri già pieni prima dell’arri­vo dei clienti, figurarsi le bottiglie o i fusti di spri­tz ». Linea che peraltro è condivisa dalla strategia di marketing dell’Aperol, che nello spot che ha re­so lo spritz fenomeno di culto in mezza Italia mo­stra tutta l’allegria che si sprigiona mentre il bari­sta prepara la magica bevanda. Se fosse stato spilla­to, come avrebbe reagito quella ragazza rossa sul­l’auto?


Azioni

Information

5 responses

16 07 2009
Lordbutton

Giù le mani dallo spritz !! E’ una tradizione veneta portata avanti con passione da osti, baristi e ristoratori altro che master del menga… su http://www.dinodasandra.com aderite tutti alla campagna contro sta schifezza nel fusto. El marketing andelo a far nei Stati Uniti che come tradision i ga i Mec Donald !!!!

17 07 2009
nicola brusco

Siamo tutti contrari allo spritz nel bidon. Come sarà possibile distinguere un bar da un altro?

16 08 2009
Lizzy

Pensa te, io già sono contraria allo spritz…😉

L.

18 08 2009
mauri hunter

io ho creato lo spritzz color, ovvero 4 alternative di colore oltre al tradizionale arancio. il colore nn influisce sul sapore di base che è molto simile all’aperol. fa 12 gradi anzichè 10,50. anche a me un’azienda a proposto di produrlo in fusto. cosa devo fare? entrare oggi nel mercato è veramente difficile, anche se si ha una buona idea, probabilmente mi faro convincere. è un modo in più per farmi pubblicità?

18 08 2009
Carlo Satuurnino

Ogniuno la pensa come vuole !!!!!!!!
Non ci sarà mai un modo di servire lo spritz giusto in assoluto.
Se si predilige il tradizionalismo : metodo classico con prodotti di marca
Se si predilige la velocità : il fusto ha i suoi vantaggi
Se si predilige il risparmio : metodo calssico con prodotti di sottomarca
Io avrei una soluzione che soddisfa tutti e 3 le esigenze .
Tra non molto la presenteremo sul mercato conciliando tutti .
Buon lavoro e buono Spritz !!!!!!!!!!!!!!!!
Carlo Saturnino
ABACA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: